Riciclo creativo: una seconda vita agli oggetti con il recupero artigianale

Riciclo creativo: è Palermo la capitale italiana del riciclo artigianale

Il Riciclo fonte di miglioramento globale 

Si parla moltissimo di riciclo, riuso, sia artigianale che creativo, la nuova linea di pensiero del “non sprecare” e non inquinare ha preso piede e un po tutti stanno riscoprendo i vantaggi di non gettare via gli oggetti in buono stato, o tutti quei materiali che in qualche modo possono essere riutilizzati, o avviati a usi diversi da quelli di origine; un sano metodo per portare vantaggio globale: all’economia, allo smaltimento rifiuti e all’ambiente. Uno stop significativo all’inquinamento e agli sprechi che hanno caratterizzato ben più di un’epoca sul nostro Pianeta, con il risultato di aver danneggiato per certi versi in modo quasi irreparabile questa nostra bella Terra.

Correre ai ripari e ristabilire la qualità della vita

In Italia come in altri Paesi europei si è messo in atto un vero programma di guerra allo spreco, all’inquinamento e alla eliminazione di materie preziose anche se già usate; le nostre città hanno risposto all’appello del riciclo, nuova politica e stile di vita in modo abbastanza compatto; alcune Regioni si distinguono per iniziativa e mobilitazione, altre seguono a ruota ma più lentamente; nella totalità dei risultati possiamo anche definire lo stato buono, per quello che riguarda al corsa ai ripari di anni di sconsiderata attività industriale, pubblica e privata che non prendeva in considerazione i danni apportati all’ambiente.

Palermo: città di valore

In merito al discorso di riciclo artigianale in testa alla classifica delle città italiane più attive e preformanti troviamo Palermo, splendida città siciliana, solare e accogliente, nei suoi quartieri il riciclo è praticato con arte, gusto e intelligenza; ttuto vieen riutilizzato, abbellito, rivalutato, dalle caldaie  www.assistenzacaldaieberettamilano.cloud/ alla bigiotteria; i negozi e i centri dove il riciclo è l’attività primaria si stanno diffondendo con soddisfazione e risultati tangibili. Una maggiore attenzione nei confronti della raccolta differenziata e una sorta di complicità tra decine di piccoli negozi e laboratori artigianali che applicano il riuso e il riciclo di oggetti e materiali,  un piccolo esercito di volonterosi che animano le vie di Palermo decantando e applicando la pazienza e l’esperienza che trasformano cestelli per lavatrice, pezzi di legno, caffettiere, pneumatici,  polistirolo, plastica in nuovi utili o decorativi prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *